Le Nazionali di ciclismo Ucraine sono arrivate a Roma Fiumicino, dove sono state accolte dai vertici della Federciclismo, nella persona del presidente federale Cordiano Dagnoni e del segretario generale Marcello Tolu, dall’assessore allo sport della regione Abruzzo Guido Liris, dal sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi e da una schiera di giornalisti.

Dopo le formalità d’ingresso il gruppo, composto da 20 atleti e quattro tecnici, ha raggiunto l’Aquila dove resteranno fino a quando non potranno far rientro nel loro Paese. “Ringraziamo l’Italia”, ha detto il capo delegazione Sergiy Grechyn, “che ci ha offerto subito ospitalità in una situazione difficile per il nostro Paese. Alcuni di questi ragazzi hanno i genitori da giorni nei rifugi sotto i bombardamenti; è un momento drammatico…”. E ha sottolineato: “Abbiamo chiesto aiuto all’Italia perché per noi il vostro Paese è sinonimo di ciclismo; uno dei luoghi migliori dove poter continuare ad allenarci e gareggiare”.

“Il ciclismo italiano”, ha ricordato il presidente Dagnoni, “si mette a completa disposizione per rendere questi giorni meno amari. In questo momento non stiamo offrendo solo aiuto, ma stiamo saldando un’amicizia profonda tra due paesi. Numerose società sportive mi hanno contattato per offrire la propria disponibilità. Noi come Federazione abbiamo fatto e faremo ancora la nostra parte. Oggi abbiamo firmato una delibera che modifica, in via provvisoria e finché sarà in atto l’emergenza, le norme attuative, in modo da favorire la partecipazione dei ciclisti ucraini alle gare in Italia. Il nostro pensiero va al popolo ucraino, alle famiglie di questi ragazzi e a tutti coloro che stanno soffrendo per la guerra”.

Come riferisce una nota della Federciclismo, il gruppo è giunto nel capoluogo abruzzese attorno alle ore 21. Prima di prendere possesso delle abitazioni hanno svolto tamponi e i controlli sanitari obbligatori. “Non potevamo restare indifferenti alla richiesta di aiuto”, ha detto l’assessore allo sport dell’Abruzzo Guido Liris. “Tutta la regione si è subito mobilitata per offrire assistenza, perché sappiamo cosa significa non avere più una casa, perdere i propri punti di riferimento, abbandonare la propria terra”.

“La gente dell’Aquila”, ha aggiunto il sindaco Biondi, “è pronta a fare la propria parte. Abbiamo organizzato aiuti sia per i ciclisti che per la popolazione ucraina. Oggi è partito il primo tir di aiuti alla volta dell’Ucraina”. Ad accogliere gli atleti all’Aquila c’era il presidente del Comitato regionale dell’Abruzzo Mauro Marrone che, insieme alle società sportive dell’Aquila, ha provveduto anche ad allestire un primo ristoro dopo una lunga giornata di viaggio.

Nella foto da sinistra: Volodymyr Bileka, ex ciclista ucraino che vive ormai in Italia, amico di Sergiy Grechyn con cui ha corso in passato, Francesca Monzone, bike ambassador della Fci, il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, tre atleti della Nazionale ucraina, l’Assessore allo Sport Abruzzo Guido Liris, il presidente Cordiano Dagnoni e il segretario generale Marcello Tolu.

Courtesy: Federciclismo