Fino a sabato 10 settembre chi raggiunge con l’e-bike il Lido di Venezia per la 79esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema non rischia di rimanere senza energia. E ciò grazie a Repower, anche quest’anno tra gli sponsor della Biennale di Venezia, che è presente con le sue soluzioni a sostegno della mobilità rispettosa dell’ambiente.

Lambrogino Repower

In particolare, oltre a due E-lounge, la panchina per la ricarica di e-bike e dispositivi elettronici, una barca elettrica e due cargobike Lambro (una è Lambrogino, progettata dallo studio Makio Hasuike), non manca Dina, la rastrelliera che consente di ospitare sette biciclette e di ricaricare fino a quattro e-bike, architrave del progetto Dinaclub, che punta a elettrificare le ciclovie d’Italia. Le rastrelliere Dina sono posizionate in prossimità dei tre punti di accesso al Palazzo del Cinema.

Tutti i prodotti Repower si presentano con le livree ispirate alle opere dell’artista futurista Fortunato Depero, per un total look da red carpet. Grazie ai QR code associati alle tre Dina, inoltre, è possibile entrare nel sistema di gamification e ottenere gratuitamente una mappa regionale offline sulla piattaforma Komoot.

Nelle foto, dall’altro, la rastrelliera di ricarica Dina, Lambrogino e la barca ‘full electric’ di Repower (Ufficio stampa Repower/ Courtesy Vitesse)

Repower -  Mostra del Cinema Venezia
Repowere, una delle prime barche 100% full electric, nelle acque del lido di Venezia in occasione della Mostra del Cinema. Photo Credits: Ufficio Stampa Repower.

lascia un commento