Si è conclusa con una cronometro individuale, nella bellissima cornice di Santiago de Compostela, la 76esima edizione de La Vuelta a Espana. 3417 km, dal 14 agosto al 5 settembre, coperti dal vincitore Primoz Roglic in meno di ottantaquattro ore ad una velocità media di 40,715 km/h.

Un’edizione dominata dal capitano del Team Jumbo-Visma, che ha indossato la maglia di leader già dopo la cronometro di apertura di Burgos e che ha abbandonato solo in un paio di occasioni a discapito di avversari mai temibili in ottica vittoria finale. Rimandati infatti gli altri grandi favoriti della vigilia: Egan Bernal ha chiuso al sesto posto, mentre Miguel Angel Lopez, dopo la vittoria nella tappa regina sull’Alto d’El Gamoniteiru, si è ritirato nel corso della 20° frazione.

A completare il podio Enric Mas e Jack Haig. Un grande risultato per entrambi nonostante il distacco pesante da un Primoz Roglic che in tre settimane di corsa non ha mai avuto un attimo di cedimento.

In chiave Italia due grandi momenti da sottolineare, emotivamente contrastanti. L’impresa solitaria nella 9° tappa del sempre più protagonista Damiano Caruso, il migliore azzurro a questa Vuelta a Espana, e l’addio al ciclismo di Fabio Aru.

Pillola statistica: con tre successi totali alla Vuelta a Espana il capitano della Jumbo-Visma ha eguagliato due monumenti del ciclismo come Alberto Contador e Tony Rominger. Per lo svizzero tre successi di fila, proprio come Roglic. Rimane per il momento saldo invece il record assoluto di Roberto Heras, unico vincitore di quattro edizioni della Vuelta (2000, 2003, 2004 e 2005).

Classifica generale

  1. Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) 83h55′:29″
  2. Enric Mas (Movistar Team) +4′:42″
  3. Jack Haig (Bahrain – Victorious) +7′:40″
  4. Adam Yates (Ineos Grenadiers) +9′:06″
  5. Gino Mader (Bahrain Victorious) +11′:33″

Classifica a punti

  1. Fabio Jakobsen (Deceuninck Quick-Step) 250 pts.
  2. Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) 199 pts.
  3. Magnus Cort (Ef Education Nippo) 161 pts.
  4. Matteo Trentin (Uae-Team Emirates) 145 pts.
  5. Enric Mas (Movistar Team) 120 pts.

Classifica scalatori

  1. Michael Storer (Team Dsm) 80 pts.
  2. Romain Bardet (Team Dsm) 61 pts.
  3. Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) 51 pts.
  4. Damiano Caruso (Bahrain – Victorious) 33 pts.
  5. Rafal Majka (Uae-Team Emirates) 33 pts.

Classifica giovani

  1. Gino Mader (Bahrain Victorious) 84h07′:02″
  2. Egan Bernal (Ineos Grenadiers) +1′:54″
  3. Juan Pedro Lopez (Trek – Segafredo) +19′:48″
  4. Remy Rochas (Cofidis, Solutions Crédits) +40′:59″
  5. Clement Champoussin (Ag2r Citroen Team) +45′:56″

Classifica a squadre

  1. Bahrain – Victorious 252h19’:35”
  2. Team Jumbo-Visma +7’:26”
  3. Ineos Grenadiers +32’:18”
  4. Uae-Team Emirates +1h05’:10”
  5. Intermarché – Wanty – Gobert +1h15’:05”

(ph: Shutterstock)