E’ stata presentata ieri la Nazionale della strada protagonista questo fine settimana a Lovanio. Davide Cassani ha scelto di portare in Belgio nove uomini con Lorenzo Rota (Intermarchè Wanty Gobert) riserva. I nove sono Sonny Colbrelli (Bahrain-Victorious), Matteo Trentin e Diego Ulissi (UAE Team Emirates), Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), Gianni Moscon e Salvatore Puccio (Ineos Grenadiers), Andrea Bagioli e Davide Ballerini (Deceuninck Quick-Step) e Giacomo Nizzolo (Qhubeka NextHash). Il neo Campione Europeo Sonny Colbrelli e il fresco vincitore del Trofeo Matteotti, Matteo Trentin, saranno i punti di riferimento, ma solo dopo i primi allenamenti sul percorso Cassani sceglierà gli otto titolari per questa rassegna iridata.

La Nazionale femminile invece punterà su Elisa Longo Borghini (Trek-Segafredo), Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini (Valcar Travel&Service), Elena Cecchini (SD Worx), Maria Giulia Confalonieri (Certizit WTN), Marta Cavalli (FDJ Nouvelle Aquitaine), Marta Bastianelli (Alè BTC Ljubljana) e Barbara Guerischi (Movistar Team) riserva.

Tra gli Juniores invece, sono solo quattro gli uomini che può schierare la Nazionale: Dario Igor Belletta (GB Junior Team), Samuele Bonetto (Giorgione Vam), Manuele Oioli (Bustese Olonia Tartaggia Bike) e Alberto Bruttomesso (Borgo Molino Rinascita Ormelle).

Tra gli Under23 correranno sei atleti, Filippo Baroncini e Michele Gazzoli (Colpack Ballan), Marco Frigo (Seg Racing), Luca Colnaghi (Trevigiana Campana Imballaggi), Luca Coati (Zalf Euromobil Fior) e Filippo Zana (Bardiani CSF Faizanè) che sarà il punto di riferimento della squadra.

Quella di domenica per Cassani sarà l’ottava e ultima Nazionale come Ct. Un percorso iniziato a Ponferrada, in Spagna nel 2014 quando in azzurro c’era Vincenzo Nibali che aveva da poco vinto il Tour de France, e che si conclude domenica 26 sulle strade del Belgio. Il percorso non sarà estremo, ci sono 33 salite brevi alcune in pavé, ma non i Muri del Giro delle Fiandre. Sarà una gara aperta con finale in leggera salita, il dislivello complessivo non supera i 3mila metri.

A Cassani, che ha vinto quattro titoli europei consecutivi con Matteo Trentin, Elia Viviani, Giacomo Nizzolo e Sonny Colbrelli, due ori Mondiali consecutivi a cronometro con Filippo Ganna (Imola 2020 e Bruges 2021), manca solo il titolo mondiale in linea, che all’Italia manca da 13 anni, da Varese 2008, quando a vincerlo fu Alessandro Ballan.

Qui il programma completo degli appuntamenti nelle Fiandre per i Mondiali 2021.

Il presidente Cordiano Dagnoni (in mezzo) con i ct Davide Cassani e Marino Amadori (Bettini Photo)