Obiettivo3 si apre agli sport invernali. Come spiega una nota, infatti, in vista della nuova stagione e del percorso che porterà alle Paralimpiadi di Milano Cortina 2026, è pronto a partire il progetto Obiettivo Sci, grazie al sostegno di Fondazione Allianz Umana Mente.

Lo staff di Obiettivo3, spiega una nota, conferma la volontà di aprirsi a quante più discipline possibili e per la prima volta lancia una campagna di reclutamento dedicata allo sci alpino paralimpico. Per il lancio del progetto, in particolare, Obiettivo3 è alla ricerca di cinque atleti da reclutare, avviare e sostenere nella pratica dello sci alpino.

Nella fase iniziale le sciatrici e gli sciatori selezionati avranno la possibilità di essere seguiti da un tecnico qualificato e potranno partecipare a una serie di campus formativi sulla neve. Chi tra loro dimostrerà passione e volontà di praticare la disciplina a livello agonistico, potrà continuare nel percorso grazie ai mezzi che Obiettivo3 fornirà in comodato d’uso gratuito.

Il primo appuntamento è già alle porte. Tutti i potenziali atleti disabili intenzionati a far parte del progetto ‘Obiettivo Sci’ infatti dovranno inviare una mail con la propria candidatura all’indirizzo selezione@obiettivo3.com. I primi atleti selezionati avranno già l’opportunità di partecipare al campus di Padova in programma venerdì 8 ottobre per l’incontro con lo staff e i tecnici.

“Il nostro lavoro prosegue con grande entusiasmo e siamo felici di abbracciare una nuova disciplina”, spiega il direttore sportivo di Obiettivo3, Pierino Dainese. “La nostra missione è quella di offrire alle persone disabili la possibilità di conoscere e approfondire la pratica di quante più discipline possibili. Obiettivo Sci è un’occasione molto importante nel percorso di avvicinamento al grande evento di Milano Cortina 2026. Avere le Paralimpiadi in casa è un’opportunità unica e vogliamo farci trovare preparati all’appuntamento”.

Obiettivo3, ricorda la nota stampa, è un progetto ideato nel 2017 da Alex Zanardi che mira a reclutare, avviare e sostenere persone disabili all’attività sportiva. Gli atleti, ai quali viene affidata l’attrezzatura in comodato d’uso gratuito, entrando nella comunità, oltre alla guida competente dei coach, trovano nei loro compagni punti di riferimento importanti per coltivare questa passione.

Nei suoi primi quattro anni di attività Obiettivo3 ha reclutato più di 100 atleti, che hanno già partecipato a decine di manifestazioni nazionali e internazionali, raggiungendo notevoli risultati. L’apice lo so si è raggiunto alle Paralimpiadi di Tokyo, con la paraciclista di Obiettivo3 Katia Aere che ha conquistato la medaglia di bronzo nella prova in linea.

Tutto questo è reso possibile grazie ad aziende e persone che hanno sposato la causa del progetto, in primis Fondazione Vodafone Italia, main partner di Obiettivo3. Quindi gli sponsor: Airoldi Metalli, Bmw Italia, Castelli Sportful, Cetilar, Consorzio per la tutela del formaggio Grana Padano, Enervit, Garmin, Kask, Koo, Rio Mare. Tra i sostenitori principali Allianz Partners, Emporio Armani, Fondazione Allianz, Fondazione Amplifon, e Brunello Bike – Ciacci Piccolomini d’Aragona.