Quest’anno la Parigi-Roubaix vive un’edizione davvero particolare. Innanzitutto perché è da 903 giorni che nessuno alza più al velodromo di Roubaix l’iconica pietra che incorona il re dell’Inferno del Nord. A vincere la 117esima edizione il 14 aprile 2019 era stato l’asso belga Philippe Gilbert, alla sua terza partecipazione nella Regina delle classiche, poi il Covid l’ha fermata nel 2020 e per lunga parte del 2021. Con il risultato che la Classica di Pasqua, quest’anno si corre domenica 3 ottobre, in pieno autunno e non, come da tradizione, in primavera.

Partenza, come ormai da tradizione, fissata a Compiègne, inizio della battaglia tra i big atteso alla Trouée d’Arenberg, le previsioni dicono: pioggia. Sono 30 i settori di pietra, riferisce un comunicato di Aso, per un totale di 55 kilometri (qui sotto potete consultarli tutti, dal primo all’ultimo). Venticinque invece le squadre partecipanti iscritte, dall’Ag2r alla Trek Segafredo.

I bookmaker vedono ben piazzati per il successo finale il belga Wout Van Aert, in forma Mondiale, il suo connazionale Jasper Stuyven, l’olandese Dylan van Baarle, il ceco Zdeněk Štybar (secondo nel 2015 e nel 2017) ma attenzione anche al suo compagno di squadra Florian Sénéchal che sembra essere piuttosto in forma. Della partita anche, oltre al campione uscente Gilbert anche Mathieu van der Poel, Peter Sagan (vincitore nel 2018) e Greg van Avermaet (vincitore nel 2017). E ancora i vincitori delle edizioni 2014 e 2015 Niki Terpstra e John Degenkolb e Alexander Kristoff. Le speranze azzurre (non vinciamo dal 1999 con Andrea Tafi e non andiamo a podio dal 2012 con Alessandro Ballan) sono riposte nelle gesta del campione europeo Sonny Colbrelli. Tra gli italiani al via anche Matteo Trentin, Gianni Moscon, Daniel Oss e Giacomo Nizzolo.

A dominare la classifica delle vittorie per nazione è il Belgio con 57, sul podio anche Francia (28) e Italia (13). Record di vittorie per Roger De Vlaeminck e Tom Bonen con 4 successi a parimerito. Primo italiano Francesco Moser con tre vittorie come, tra gli altri, Eddy Merckx e Fabian Cancellara. Due vittorie per Franco Ballerini.

Ecco i 30 settori di pavè:

30 : Troisvilles to Inchy (km 96,3 – 2,2 km) ***

29 : Viesly to Quiévy (km 102,8 – 1,8 km) ***

28 : Quiévy to Saint-Python (km 105,4 – 3,7 km) ****

27 : Saint-Python (km 110,1 – 1,5 km) **

26 : Haussy to Saint-Martin-sur-Écaillon (km 116,6 – 0,8 km) **

25 : Saint-Martin-sur-Ecaillon to Vertain (km 120,9 – 2,3 km) ***

24 : Capelle to Ruesnes (km 127,3 – 1,7 km) ***

23 : Artres to Quérénaing (km 136,3 – 1,3 km) **

22 : Quérénaing to Maing (km 138,1 – 2,5 km) ***

21 : Maing to Monchaux-sur-Ecaillon (km 141,2 – 1,6 km) ***

20 : Haveluy to Wallers (km 154,2 – 2,5 km) ****

19 : Trouée d’Arenberg (km 162,4 – 2,3 km) *****

18 : Wallers to Hélesmes (km 168,4 – 1,6 km) ***

17 : Hornaing to Wandignies (km 175,2 – 3,7 km) ****

16 : Warlaing to Brillon (km 182,7 – 2,4 km) ***

15 : Tilloy to Sars-et-Rosières (km 186,2 – 2,4 km) ****

14 : Beuvry-la-Forêt to Orchies (km 192,5 – 1,4 km) ***

13 : Orchies (km 197,5 – 1,7 km) ***

12 : Auchy-lez-Orchies to Bersée (km 203,6 – 2,7 km) ****

11 : Mons-en-Pévèle (km 209,1 – 3 km) *****

10 : Mérignies to Avelin (km 215,1 – 0,7 km) **

9 : Pont-Thibault to Ennevelin (km 218,5 – 1,4 km) ***

8 : Templeuve – L’Epinette (km 223,9 – 0,2 km) *

8 : Templeuve – Moulin-de-Vertain (km 224,4 – 0,5 km) **

7 : Cysoing to Bourghelles (km 230,8 – 1,3 km) ***

6 : Bourghelles to Wannehain (km 233,3 – 1,1 km) ***

5 : Camphin-en-Pévèle (km 237,8 – 1,8 km) ****

4 : Carrefour de l’Arbre (km 240,5 – 2,1 km) *****

3 : Gruson (km 242,8 – 1,1 km) **

2 : Willems to Hem (km 249,5 – 1,4 km) ***

1 : Roubaix – Espace Charles Crupelandt (km 256,3 – 0,3 km) *

(Nella foto Peter Sagan alla Roubaix nel 2018: Shutterstock)