Articolo pubblicato su BIKE Volume 5 edizione Summer luglio-settembre 2021

Un viaggio di lusso in sella alla bicicletta per scoprire le bellezze dell’Italia, con tanto di soste per assaporare le prelibatezze del territorio. L’idea di Godoit è di quelle semplici e d’effetto, nata dalla mente di sei soci milanesi con l’amore per la bicicletta a cui si è poi aggiunto un business angel bene impressionato dalle potenzialità di questa startup.

“Abbiamo costituito la società alla metà del 2019, già prima della pandemia”, racconta a BIKE l’amministratore delegato e socio Alessandro Pagliai, “è un’attività nata quasi per diletto, ma subito è diventata una cosa seria. Noi del resto vendiamo un prodotto, il Made In Italy, che è uno dei brand più famosi al mondo. Il concetto era solo quello di trovare un modo fresco e originale per venderlo, portando così tante persone dall’estero a pedalare sui nostri territori”.

Dopo aver conferito personalmente i primi capitali, la società ha deciso di finanziarsi attraverso una campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma Opstart. Finora Godoit ha raccolto circa 60mila euro (a campagna non ancora conclusa) da tanti piccoli investitori che diventeranno soci dell’azienda, la quale reinvestirà il ricavato in campagne di marketing.

Chi partecipa può usufruire di un pacchetto tutto incluso: due guide dedicate, un’ammiraglia al seguito del gruppo, noleggio della bici, sosta in alberghi di lusso, pasti in ristoranti stellati. Scorrendo le pagine del sito ufficiale si trovano varie destinazioni: dal week-end romantico nelle valli del Prosecco, a un tour sul Lago di Como fino a un’uscita dal tramonto all’alba in Toscana, sulle strade della Versilia. Ma queste sono solo alcune delle mete disponibili.

“Le nostre guide conoscono bene il territorio e richiediamo loro non soltanto di saper pedalare, ma anche la conoscenza di almeno una lingua straniera”, racconta ancora Pagliai, “facciamo gruppi piccoli, di massimo nove persone, e met- tiamo sempre a disposizione due guide. Questo per poter rimanere al fianco anche degli ospiti meno allenati, senza negare il divertimento a chi è in grado di esprimersi a un livello più elevato. Riteniamo che nessuno debba essere lasciato indietro, sono tutti capitani per noi”.

Il target di clientela è principalmente quello del turista straniero, disposto a spendere tanto pur di vivere un’esperienza unica in Italia. Anche se, ovviamente, i tour sono aperti anche agli italiani. Godoit, oltre a programmare vacanze su due ruote, offre un’attività per gli appassionati in città e per le aziende. In collaborazione con la pista Aci Vallelunga di Lainate – dove in passato venivano testate le Alfa Romeo – Godoit organizza allena- menti completi con tanto di assistenza meccanica, servizi di coaching, integratori salini e alimentari, ambulanza.

Il 2020 è stato un anno condizionato dalla pandemia, ma già per la stagione 2021 la startup conta di spiccare il volo con le sue iniziative. “Per noi le stagioni fondamentali sono primavera, estate e autunno. Già stiamo ricevendo i primi segnali incoraggianti sul fronte delle prenotazioni. In attesa di partire, però, invitiamo gli appassionati della bicicletta a unirsi a noi e ai nostri allenamenti in pista”.

Godoit
Godoit