Garmin Tacx punta sul binomio design-prestazione per conquistare il mercato dell’home training, come raccontato a settembre al pubblico della Design Week a Milano. Infatti nelle ultime due stagioni invernali i fortunati possessori di rulli e ciclomulini, hanno potuto allenarsi comodamente tra le mura di casa. La bicicletta posizionata in un angolo del salotto, nello studio, o in un’area relax, non è più, però, un corpo avulso dal resto della casa. Per molti è ormai diventata parte integrante dell’arredamento, elemento distintivo che racconta una passione che non si spegne mai per la bicicletta.

Grazie alla tecnologia applicata, i moderni rulli, ciclomulini o cicloergometri sono diventati poi dei simulatori sempre più realistici di pedalate entrando nei programmi degli allenamenti domestici di moltissimi appassionati, che hanno potuto allenarsi anche quando non si poteva uscire. Ed è da qui, dal mondo dell’arredo e del design d’interni, che Garmin ha presentato la sua linea di cicloergometri per l’allenamento indoor Tacx non solo come strumenti altamente tecnologici, ma anche come complementi di arredo.

In particolare, Garmin Tacx Neo Bike Smart è una rivoluzionaria smart bike, frutto di know-how tecnico e gusto estetico, protagonista durante la Milano Design Week 2021 di vere e proprie installazioni create, nei rispettivi showroom, in collaborazione con alcuni partner d’eccezione, punti di riferimento nel mondo dell’arredamento e del technical wear: Lago, Frigerio e Sease. Una dimostrazione di come la più alta tecnologia possa sposasrsi con la raffinatezza delle linee di mobili e di accessori esclusivi e ricercati.

Garmin Tacx Neo Bike Smart è la ‘stationary cycle’ che consente una pedalata realistica, in grado di simulare salite, discese e cambi di superfici di terreno. In base alla potenza della pedalata o alla frequenza cardiaca registrata, modula i flussi d’aria dalle ventole posizionate sul manubrio. Le misure della propria bicicletta possono essere riportate sulla Garmin Tacx Neo Bike Smart, così da non accusare la differenza ergonomica tra pedalata outdoor e indoor; per la stessa ragione, è possibile impostare i tasti in modo da simulare componenti Campagnolo, Sram o Shimano. Perché l’esperienza sia quanto più vicina alla realtà, la stationary cycle prevede un evoluto cambio virtuale che consente di passare da un rapporto all’altro, simulandone anche pacco pignoni e guarniture. Un display da 4,5 pollici che mostra i dati relativi al proprio allenamento completa il set tecnologico dello strumento.

L’applicazione Tacx Training App poi permette di vivere un’esperienza di ciclismo virtuale dallo smartphone, dal tablet o da desktop. Video-allenamenti aggiornati accompagneranno l’utente durante la sua preparazione, che potrà visionare in tempo reale i dati sulla sua pedalata indoor. A disposizione una vera e propria video-library di percorsi reali da cui attingere, su cui pedalare e importare i dati dei propri allenamenti.

Nella foto la nuova Neo Bike Smart di Garmin