Aleix Espargarò, come tanti altri piloti MotoGp, usa la mountain bike e la bici da corsa per allenarsi. Ma per l’alfiere di Granollers quella della bicicletta è una vera e propria passione, tanto da farsela tatuare sulla gamba e partecipare a gare di livello nazionale e oltre.

In un’intervista con Javier Ares sul suo canale Youtube, il pilota Aprilia ha rilasciato dichiarazioni di amore per il ciclismo. “Seguo le gare attraverso tutte le applicazioni, ogni sera guardo i video riassuntivi, le interviste“. Fino al 2020 lo spagnolo sembrava in procinto di lasciare la MotoGp per dedicarsi definitivamente alla mountain bike. La Rs-Gp stentava in pista, Aleix non si divertiva e i momenti di tensione ai box non mancavano. “Tutto è nato perché in Aprilia non andava come mi aspettavo, non stavo migliorando la moto e sentivo frustrazione. Ho deciso di rimandare per aspettare l’Aprilia, ma eravamo davvero vicini“.

Nelle prossime settimane Aprilia e il pilota catalano decideranno se firmare un contratto annuale o biennale. Potrebbe essere l’ultima firma nel Motomondiale, poi Aleix Espargarò potrà dedicarsi definitivamente alla sua grande passione. “Cosa preferisco tra esordire con i professionisti o vincere il Mondiale MotoGp? Corro da tanti anni, non mi interessa se non vinco, vorrei tentare il mio sogno: fare il ciclista e correre nel World Tour. Ho 32 anni e non so cosa accadrà in un futuro non molto lontano. Non è mai troppo tardi“.

In foto Javier Ares e Aleix Espargarò nel corso dell’intervista sul canale Youtube