La 22esima puntata di Scatto e Controscatto è dedicata alla Milano-Sanremo. La prima Monumento di questa stagione è stata una delle più belle e veloci degli ultimi anni. Per la prima volta in 113 edizioni la Classicissima è slovena, ma non di Tadej Pogacar, protagonista di cinque accelerazioni sul Poggio, o di Primoz Roglic al lavoro per Wout Van Aert; la Sanremo è di Matej Mohoric 27enne della Bahrein-Victorious. Un monumento al coraggio, alla fantasia e all’innovazione. Lo sloveno è così entrato nel club dei grandi discesisti ma anche in quello dei visionari capaci di indicare una via nuova.

In studio, come sempre, Francesca Cazzaniga e il direttore di Tuttobiciweb Pier Augusto Stagi, con ospite Luca Guercilena, direttore generale della Trek Segafredo, formazione che lo scorso anno ha vinto la Classicissima di Primavera con Jasper Stuyven, quest’anno fermato a causa di un’influenza. Al suo posto l’ex campione del mondo Mads Pedersen che ha chiuso in sesta posizione. E pensare che Pedersen inizialmente non voleva neanche partecipare alla Sanremo perché secondo lui non adatta alle sue caratteristiche. Dopo questo grande risultato ha promesso alla sua squadra che tornerà sulle strade della Liguria.