Alla 35esima edizione della Maratona Dles Dolomites – Enel, il cui tema sono i Ciüf, fiori in ladino, sarà presente anche Enervit, storica presenza nonché tra i main partner del prestigioso evento sportivo dal respiro internazionale. E lo farà con attenzione alla sostenibilità, declinata nel rispetto per la natura e l’ambiente che, secondo l’azienda lombarda, deve essere perseguito con azioni consapevoli e sostenibili, ma soprattutto credibili, anche quando si parla di una semplice sacca, proprio come quella realizzata per la trentacinquesima edizione della Maratona.

Pertanto, Enervit, come spiega un comunicato, ha voluto al suo fianco due alleati attivi nel campo delle attività equosolidali: l’associazione gruppi “Insieme si può” di Belluno e la cooperativa Selyn dello Sri Lanka, certificata Wfto (World fair trade organization). Grazie a questa alleanza, spiega la nosta stampa, Enervit ha realizzato una borsa 100% cotone, ecologica e sostenibile, nel rispetto dei diritti di chi ha lavorato per produrla e dello spirito ecologico che anima i partecipanti alla manifestazione.

Il risultato? Una sacca lavorata interamente a telaio e a mano, dalle donne e dagli uomini di Selyn, la cooperativa che dal 1991 opera in Sri Lanka con l’obiettivo di dare professionalità, aiuto sanitario e continuità lavorativa ai suoi mille artigiani.  L’incontro con Enervit è avvenuto grazie all’associazione gruppi “Insieme si può”, una Ong che dall’anno della sua fondazione, cioè il 1983, è impegnata nel sostegno delle povertà che affliggono le varie zone del mondo, attraverso lo sviluppo di attività economiche locali a supporto della comunità.

“Enervit è con Maratona Dles Dolomites fin dalle prime edizioni”, ha commentato Marina Petrone, corporate strategy director di Enervit. “In questi trent’anni insieme, il nostro senso di responsabilità verso l’ambiente e la comunità è cresciuto anche grazie allo spirito di questo evento. Il rispetto della natura e la sensibilizzazione degli atleti sono valori che da sempre condividiamo con il Presidente Michil Costa. E insieme, dunque, abbiamo concepito questo progetto delle sacche ecologiche. Perché aziende ed eventi possono fare molto per diffondere i temi della sostenibilità, sia in generale che nel mondo dello sport. Noi di Enervit ci impegniamo a progettare ogni nuova attività pensando prima di tutto al valore delle persone, dei collaboratori, dei consumatori, dell’ambiente e del territorio”.

Una scelta ambientale e sociale in linea con i valori dell’azienda, la cui sfida nel presente è quella di rispettare e valorizzare ancora di più il Pianeta e le persone che lo abitano. In coerenza con i valori e le linee d’azione che Enervit ritiene basilari per uno sviluppo sostenibile, in ogni area d’impatto delle proprie attività, è stata pubblicata la Carta degli Impegni dal nome eloquente: “Sostenibilità credibile”.

A conferma che l’attenzione di Enervit per l’ambiente parte dalle piccole cose, una menzione particolare la merita il nuovo pack anti-littering del nuovo Isotonic Gel, che vuole essere un aiuto concreto a combattere l’insano malcostume di abbandonare i rifiuti dei cosiddetti ‘gellini’, le linguette in particolare che si staccano con i denti, in spazi pubblici. Realizzato con una specifica tecnologia, evita che, in fase di apertura e nel successivo utilizzo del prodotto, parti dell’incarto vengano dispersi nell’ambiente.

Foto: Courtesy Ufficio Stampa Enervit