Vestire una maglia di Campione Italiano davanti al proprio pubblico è il sogno di ogni atleta. A maggior ragione se la location che ospita la prossima rassegna tricolore di cross country dal 22 al 24 luglio, la Valle di Casies, è il luogo dove tutto ha avuto inizio. In questa valle perpendicolare alla Val Pusteria, Gerhard Kerschbaumer ha fatto capire di avere qualcosa di speciale sin dai tempi dei campionati provinciali. “A quei tempi, si faceva un gran parlare di un bambino un po’ misterioso che non faceva altro che pedalare con la sua Mountain Bike in malga, per poi scendere a valle e dominare le gare”, ha ricorda il Presidente Erwin Schuster.

Nel frattempo, il bambino prodigio è cresciuto e diventato uno dei riferimenti del cross country italiano nell’ultimo decennio, capace di laurearsi Campione del Mondo U23 nel 2013 a Pietermaritzburg, di vincere in Coppa del Mondo Elite ad Andorra nel 2018 e di conquistare uno splendido argento tra gli Elite, alle spalle della leggenda Nino Schurter, ai Mondiali di Lenzerheide 2018. Lo scorso anno, il 31enne di Bressanone si è anche aggiudicato la prova di Internazionali d’Italia Series organizzata in Valle di Casies dimostrando di non aver smarrito il feeling con il tracciato altoatesino. 

“Si può quasi dire che la Valle di Casies mi abbia lanciato, grazie a delle competizioni giovanili molto ben organizzate. In questa valle ho iniziato a vincere e tanti ricordi mi legano a questo posto”, ha detto Kerschbaumer. “Nel 2021, dopo tanti anni, ci sono tornato per gareggiare e ho conquistato subito una bella vittoria, forse avvantaggiato dalla conoscenza che ho di queste zone rispetto ai miei colleghi. Sono felice di tornare a correre in Alto Adige davanti ai miei tifosi: venderò cara la pelle, ben cosciente che Luca Braidot sarà l’uomo da battere”.

A quattro anni di distanza dal suo trionfo in Coppa del Mondo ad Andorra, l’altoatesino del Team Specialized proverà a ritrovare le migliori sensazioni proprio in questo weekend pirenaico. Servirà la miglior versione di Gerhard Kerschbaumer per provare a dare filo da torcere a Luca Braidot, che in Coppa del Mondo ha vinto per la prima volta nel weekend scorso a Lenzerheide.

“Non sono sorpreso, Luca va forte da diverso tempo, però anch’io sono in crescita. A Lenzerheide ho conquistato un ottimo nono posto e sono cosciente di potermela giocare. Inoltre, non sottovaluterei Daniele Braidot e Nadir Colledani, che è pur sempre il campione in carica”, ha spiegato Kerschbaumer. 

Il programma della rassegna tricolore in Valle di Casies scatterà venerdì 22 luglio con le operazioni preliminari e i primi titoli nazionali in palio, quelli di e-mtb, a partire dalle ore 18.00. 

Gli assoluti di e-mtb scalderanno l’atmosfera in vista della giornata clou di sabato 23 luglio, quando a sfidarsi in Valle di Casies saranno gli atleti delle categorie agonistiche. Alle ore 09.00, il programma inizierà con la gara uomini Junior, seguita dalla prova uomini U23 alle 11.00, dalle competizioni femminili (Junior, U23 ed Elite) alle 13.00, e dal gran finale affidato alla prova uomini Elite delle ore 15.00.

Il programma della rassegna tricolore si concluderà domenica 24 luglio con le competizioni riservate agli amatori. Alle 09.00 prenderanno il via gli atleti delle categorie Master 1 ed Elite Sport, seguiti da Master 2, 3 e 4 alle 11.00, Master 5, 6, 7 e 8 alle 13.00. Sempre alle ore 13.00, scenderanno in pista le donne delle categorie Elite sport, Master 1, 2 e 3. 

Nella foto: Gerhard Kerschbaumer in azione sul circuito di Valle di Casies. Photo Credits: Alice Russolo

Courtesy: Ufficio Stampa Vitesse