Nella giornata di apertura dei Mondiali di ciclismo in Australia l’Italia sale sul gradino più alto del podio con Vittoria Guazzini, che vince il titolo tra le donne U23 nella prova a cronometro. Delusione, invece, per il settimo posto di Filippo Ganna, che non riesce a vestire la maglia iridata per la terza volta consecutiva.

Quello di Guazzini è un oro che ha un valore storico, essendo la prima volta che viene assegnato il titolo iridato cronometro donne U23. L’azzurra sfiora anche il podio tra le Elite, chiudendo al quarto posto per soli 9″. La maglia iridata, seconda consecutiva, va ancora a Ellen van Dijk, che sopravanza di 12″ l’australiana Grace Brown. Al terzo posto la svizzera Marlen Reusser, a 41″68.

Non ce l’ha fatta invece Filippo Ganna a collezionare il tris mondiale. Il piemontese ha chiuso al settimo posto. Partito bene, Ganna ha via via perso terreno nei confronti del norvegese Tobias Foss e dello svizzero Stefan Kung. Sono loro i protagonisti della prova, con lo scandinavo capace di un finale in crescendo che ha messo in difficoltà anche il bicampione europeo Kung. Sul terzo gradino del podio è salito Remco Evenenpoel. Edoardo Affini, partito tra i primi, ha terminato la prova 13°, a 1’27”; Matteo Sobrero è giunto subito dietro, 15°, a 1’33”.

Podio cronometro uomini elite

  1. Tobias Foss: 40.02,78 (Nor)
  2. Stefan Kung: 40.05,73 (Svi)
  3. Remco Evenepoel: 40.11,94 (Bel)

Podio cronometro donne elite

  1. Ellen Van Dijk: 40.02,78 (Ola)
  2. Grace Brown: 40.05,73 (Aus)
  3. Marlen Reusser: 40.11,94 (Svi)

in foto il podio della prova donne U23 (courtesy: Ufficio Stampa Federciclismo)

lascia un commento