Il glutine è una sostanza proteica presente in frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale che si forma quando a questi cereali viene aggiunta acqua. Il glutine viene spesso impiegato dalle industrie alimentari per legare insieme gli ingredienti, quindi lo si può trovare, ad esempio, anche in zuppe, sughi pronti e moltissimi altri prodotti alimentari. Una persona celiaca, sostanzialmente, non riesce ad assorbire correttamente il glutine.

Uno tra i tanti problemi legati alla celiachia è il ridotto assorbimento di vitamine e minerali, elementi importanti per l’organismo quando si affronta un allenamento o uno sport a livelli agonistici. Chi pratica sport ha bisogno di una dieta ricca e bilanciata, per questo motivo, scoprire di essere intolleranti al glutine può comportare dei disagi.

Molti sportivi che seguono un regime gluten free hanno affermato che questo tipo di dieta garantisce un maggior rendimento durante l’allenamento, un minor tempo di recupero in fase post-allenamento e aiuta a migliorare il sonno. Tuttavia il dibattito sull’adozione di una dieta senza glutine da parte di persone non celiache è abbastanza controverso. Se da un lato c’è chi afferma che l’eliminazione di questa sostanza dall’alimentazione migliori le performance atletiche, dall’altro ci sono studi che dimostrano come il rendimento atletico non sia per niente influenzato da questo tipo di dieta. Seguire una dieta gluten free deve essere una necessità e non una moda e non tutti i nutrizionisti concordano sul fatto che eliminare il glutine dall’alimentazione senza averne effettiva necessità migliori le performance sportive. Inoltre una dieta gluten free in soggetti sani può esporre a pericolose carenze relative a specifici aminoacidi e altri micronutrienti (fibre, vitamine del gruppo B, antiossidanti, ferro, selenio e magnesio), compromettendo il sistema immunitario e la salute batterica dell’organismo

Vediamo quindi cosa deve sapere un ciclista celiaco prima di montare in sella alla sua bicicletta.

Ciclismo e celiachia: 5 cose che il ciclista celiaco deve sapere

In quali alimenti si trova il glutine? Come si può sostituire? Come alimentarsi al meglio prima, durante e dopo l’allenamento? Vediamo insieme alcuni punti fondamentali che un ciclista celiaco deve sapere:

  • ● La colazione è davvero il pasto più importante, in particolare se vengono affrontate sui pedali grandi distanze o salite impegnative. La colazione del ciclista deve assicurare carboidrati complessi, in modo da controllare il livello di zuccheri nel sangue, perché il glucosio è il principale carburante dei muscoli. Allo stesso tempo non bisogna invece esagerare con gli zuccheri semplici, che causano una rapida salita e poi il crollo del picco glicemico, e con i grassi, che sono più complessi da digerire. Inoltre, prima di salire in sella, un po’ di cacao certificato senza glutine non fa male, anzi aiuta! Le fave di cacao sono ricche di flavanoli, potenti antiossidanti che aumentano il flusso di sangue nel cervello e nei muscoli. 
  • ● Ci sono molti cereali che possono sostituire quelli contenenti glutine, migliorando il valore biologico delle proteine vegetali introdotte nell’alimentazione dei ciclisti per il pasto post-allenamento. Tra questi: il riso, che riesce a regolare la flora intestinale e il gonfiore; la quinoa, che garantisce un alto apporto calorico e contiene fibre e minerali; e il miglio, che contiene fibre, sali minerali e proteine. E non finiscono qui: tra i carboidrati gluten free ci sono anche grano saraceno, amaranto, sorgo e teff. Inoltre, per fare la giusta scorta di carboidrati, si consigliano anche banane, datteri secchi, patate dolci, fichi freschi e uva passa.
  • ● Il mais è un cereale senza glutine, fonte di acido folico e vitamina B1, ma se assunto frequentemente favorisce infiammazione silente. Ecco perché si consiglia ai ciclisti intolleranti al glutine (e non solo) di mangiarne poco e di preferire gli altri cereali.
  • ● Il recupero dei sali minerali, durante e dopo l’allenamento, non è un optional per nessuno, figuriamoci per i ciclisti o gli atleti intolleranti al glutine. I villi intestinali dei celiaci, messi alla prova dall’infiammazione, faticano ancora di più ad assorbire potassio ed altri importanti micro-sostanze. Sodio, cloro, calcio, potassio e magnesio, elementi di cui è composto il sudore, vanno reintegrati velocemente.
  • ● Gli Omega 3 sono fondamentali per aiutare l’intestino a disinfiammarsi. Mangiare regolarmente salmone, sardine, crostacei e tonno, particolarmente ricchi di acidi grassi, aiuta a superare le infiammazioni. Per i ciclisti vegetariani, vegani o per chi semplicemente non ama il pesce, è possibile integrare l’Omega 3 assumendolo sotto forma di integratore.

Infine, è importante controllare molto attentamente le etichette del cibo in quanto ci sono ingredienti che contengono glutine sotto mentite spoglie. Per questo è fondamentale verificare che l’etichetta non indichi, oltre alla presenza di glutine, cereali e farine, anche amidi modificati, che vengono ottenuti mediante il trattamento dell’amido contenuto in alcuni cereali, tra questi: E-1404, E-1410, E-1412, E-1413, E-1414, E-1420, E-1422, E1440, E-1442 , E-1450. Inoltre, per essere gluten free, gli alimenti non devono contenere: addensanti, malto ed estratto di malto, lievito ed estratto di lievito.

Ciclismo e celiachia: Gensan propone

Prima di affrontare lunghe pedalate è consigliabile assumere un integratore alimentare che riduca la produzione di ammoniaca e acido lattico e che inoltre contrasti la degradazione degli aminoacidi muscolari. Per questo c’è Glucogenetix, un integratore alimentare in polvere solubile a base di aminoacidi ramificati e glutammina 100% qualità Kyowa con aggiunta di alanina, glicina e vitamine. Gli elementi contenuti in Glucogenetix contribuiscono alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento. La vitamina C, ad esse associata, contribuisce a proteggere le cellule dallo stress ossidativo.

Durante l’allenamento, per essere sempre carichi ed energici c’è Carbogel: l’integratore alimentare in gel agli agrumi ad azione energica ed energizzante, che garantisce una maggiore resistenza durante l’allenamento, soprattutto in caso di sforzi intensi e prolungati. Inoltre, per reintegrare le perdite idrosaline dovute legate alla profusa sudorazione, si consiglia Ipotonic ADHOC Plus, formulato in modo specifico per mantenere l’equilibrio idrosalino corporeo. Come abbiamo detto, il reintegro razionale di acqua e sali persi è fondamentale per tutti gli atleti, ma per i ciclisti celiaci lo è ancora di più. Ipotonic ADHOC Plus in quanto bevanda ipotonica, è quella che più si avvicina alla concentrazione del sudore ed è quindi in grado di garantire una corretta idratazione, condizione essenziale per le performance fisiche.

Nel post allenamento si può fare affidamento su R4, un integratore alimentare, in polvere solubile, a base di carboidrati semplici e complessi, caseinato di calcio, aminoacidi ramificati e glutammina 100% qualità Kyowa, vitamine e minerali. L’esclusiva formulazione di R4 è stata elaborata per una assimilazione molto rapida e per favorire il recupero fisico dopo l’attività sportiva, riducendo il senso di stanchezza, affaticamento, e favorendo il corretto metabolismo delle proteine e del glicogeno.

Ciclismo e celiachia: Gluten Free Expo 2017

Se cerchi consigli su come integrare la tua attività fisica mantenendo un regime alimentare senza glutine vieni a trovarci alla Gluten Free Expo” a Rimini, un evento internazionale dedicato ai prodotti e al mercato senza glutine: anche a quello degli integratori alimentari. Ti aspettiamo al Padiglione C7 Stand 9C dal 18 al 21 novembre con tanti prodotti per soddisfare ogni esigenza!

PARTECIPA ALLA NUOVA CHALLENGE DI BIKE

Dal 3 maggio inviaci le foto più belle e significative che ti ritraggano con la tua amata bicicletta.
In regalo riceverai un codice sconto del 15% da utilizzare sul sito ww.ethen.eu

Partecipa