Ineos Grenadiers ed Egan Bernal ancora insieme per diverse stagioni. La formazione britannica ha infatti annunciato il rinnovo del vincitore del Tour de France 2019 – primo colombiano della storia – e del Giro d’Italia 2021, che ha firmato un nuovo contratto della durata di cinque anni, con scadenza al termine del 2026.

Chiude invece l’organico della Israel – Premier Tech Simon Clarke. L’australiano trova così sistemazione nella formazione israeliana dopo essere rimasto senza contratto in seguito alla chiusura con la Qhubeka – NextHash.

Avvio di 2022 segnato però soprattutto dai tantissimi addii. Saluta il ciclismo a soli 27 anni Mattia Frapporti. Il lombardo, dopo l’esperienza dell’ultimo anno alla Eolo-Kometa, non ha trovato un contratto per il 2022 e ha scelto di cambiare vita lasciando l’attività agonistica.

Stessa decisione per Julien El Fares, rimasto senza contratto dopo il mancato rinnovo con la EF Education – Nippo alla quale era approdato lo scorso inverno. Il 36enne transalpino ha deciso di chiudere così la sua carriera professionistica iniziata nel 2008 in maglia Cofidis.

Saluta il ciclismo anche Jempy Drucker, il 35enne lussemburghese non ha trovato squadra durante l’ultima sessione di ciclomercato e si è visto così costretto a optare per il ritiro.

Il 2022 sarà infine l’ultimo anno in gruppo per Ilnur Zakarin. Come da lui stesso annunciato sul suo profilo Instagram, al termine di questa stagione il corridore della Gazprom-Rusvelo chiuderà la sua carriera.

In foto Egan Bernal festeggia la vittoria del Giro d’Italia 2021 (ph: LaPresse)