Nella ventina di weekend di gara che il Misano World Circuit dedica quest’anno ai motori, dalla MotoGp alla Superbike, passando per il debutto di Valentino Rossi sulle quattro ruote nel Gt Europeo, fa capolino l’Italian Bike Festival, in programma dal 9 all’11 settembre, con una novità: ad anticipare l’appuntamento con il salone italiano della bici e della mobilità alternativa, nella giornata di giovedì 8 settembre 2022, si terranno gli Stati generali della bicicletta, con l’obiettivo dichiarato di redigere un documento ufficiale da destinare all’attenzione del Governo e in cui riassumere le richieste dei quattro settori chiave dell’industria del pedale: bike economy, smart city, lifestyle e sport.

Alla conferenza stampa di presentazione della quinta edizione dell’Ibf, che si è tenuta proprio nel paddock dell’autodromo che ospiterà l’evento proseguendo poi in un tour enogastronomico che ha avuto come base operativa il Bike Hotel Gambrinus a Riccione, sono intervenuti, oltre agli organizzatori (Taking Off è il nome della società organizzatrice) Francesco Ferrario, Lucrezia Sacchi e Fabrizio Ravasio, il direttore del Misano World Circuit Andrea Albani, Luca Colaiacovo, presidente di Santa Monica, la società proprietaria del circuito, Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo dell’Emilia Romagna, il sindaco di Misano Adriatico Fabrizio Piccioni, Davide Cassani ed Emanuele Burioni, rispettivamente presidente e direttore di Apt Servizi Emilia-Romagna, e Chiara Astolfi, direttore di Visit Romagna.

Lasciata dunque Rimini per Misano, sono tante le novità in programma per un evento che quest’anno punta a coinvolgere circa trecento realtà come espositori per un totale di quattrocento brand, tra italiani e stranieri. Un evento che, nella passata edizione, secondo le stime degli organizzatori ha generato un indotto economico stimato in circa 5 milioni di euro e 27mila presenze turistiche. Ancora maggiore attenzione sarà riservata agli operatori, per quello che ormai è diventato a tutti gli effetti anche un evento B2B del comparto, ma senza rinunciare al pubblico che entrerà gratis dai cancelli della pista dedicata a Marco Simoncelli. Degli oltre 80mila metri quadrati della superficie a disposizione degli espositori, 50mila saranno dedicati all’area espositiva vera e propria mentre i restanti 30mila a test e altre iniziative.

Si arricchisce il panorama delle manifestazioni ciclistiche collegate all’evento, con La Gialla Cycling – dal colore dominante la comunicazione dell’Ibf – che si compone di una granfondo strada (la Misano Bike) e una per mountain bike, short race e team relay, più una tipo pista e un junior trophy per le categorie giovanili. Un modo, quest’ultimo, per far scoprire al pubblico un territorio, la Romagna, che offre innumerevoli mete e percorsi ciclabili a partire dalle tre ciclovie Adriatica, Vento e del Sole. E non è un caso che anche gli organizzatori, attraverso la divisione Ibf Tourism abbiano già riservato 2mila metri quadrati al cicloturismo. Coinvolgendo, come ha ricordato Cassani, consorzi e servizi provenienti dall’ambito enogastronomico e territoriale, per sottolineare il valore, turistico e culturale della Romagna a livello certamente italiano, ma sempre più europeo e internazionale.

Da ultimo, l’edizione 2022 dell’Ibf – di cui BIKE è ancora media partner – terrà a battesimo la prima edizione dell’European media cycling contest (Emcc): oltre 50 giornalisti, blogger, influencer e youtuber del mondo bike, provenienti da tutta Europa, si daranno appuntamento a Misano per, da un lato, partecipare al fitto programma di appuntamenti alla scoperta del territorio romagnolo, dall’altro sfidarsi nelle competizioni ciclistiche di La Gialla Cycling che sanciranno i campioni europei dell’Emcc 2022. Tutte le informazioni per visitatori ed espositori sono sul sito Italianbikefestival.net.

Misano World Circuit
Misano World Circuit