Dopo due anni di stop dovuti alla pandemia il rally di Sardegna mountain bike torna dal 7 all’11 giugno prossimi per la nona edizione. Teatro dell’evento, in quattro tappe per 300 km totali (153,8 km di prove speciali) e 9475 metri di dislivello, sarà l’Ogliastra: via da Lanusei e consacrazione dei vincitori a Santa Maria Navarrese, borgata marina del comune di Baunei.

Organizzato dalla Wild Track Asd sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana, il rally di Sardegna mountain bike, secondo evento del progetto “Sardegna off-road” ha confermato il format tipico dei rally raid per auto e moto, con prove speciali che determineranno la classifica generale alternate a sezioni di trasferimento non cronometrate ma con tempo massimo di percorrenza.

A VENTURA E SAMPARISI LE ULTIME DUE EDIZIONI
Il rally di Sardegna mtb si prepara a rivivere nel cuore della Sardegna emozioni mai sopite e a dare un successore al lombardo Nicolas Samparisi, vincitore dell’ottava edizione nel 2019 grazie a quattro affermazioni su cinque tappe. Nel 2018 fu invece l’iberico Ismael Ventura a dominare la competizione imponendosi in tutte e tre le frazioni.

L’ASSESSORE CHESSA: “IMPORTANTE VISIBILITA’ AL CUORE DELL’ISOLA”
Una competizione in un territorio dalle mille sfumature, fra la costa dalle acque cristalline e l’aspro entroterra: il rally di Sardegna mtb rappresenterà un eloquente spot per il progetto “Sardegna isola dello sport”. Una vetrina che ha il sostegno dell’assessorato al turismo, artigianato e commercio della regione autonoma della Sardegna, che sta puntando sulla destagionalizzazione dei flussi turistici attraverso una serie di vettori, dall’archeologia agli eventi sportivi.

“La mountain bike è una disciplina in grado di regalare grandi emozioni, ha commentato l’assessore Gianni Chessa, e di regalare cartoline indelebili del territorio. Il rally di Sardegna mtb anche quest’anno regalerà una visibilità al cuore dell’isola, con la sua varietà di paesaggi, tradizioni e sfumature, dal mare cristallino della costa ogliastrina alle vette del Gennargentu, agli aspri sentieri del Supramonte”.

VIA ALLE ISCRIZIONI
Gli organizzatori hanno aperto le registrazioni sul sito ufficiale www.rallydisardegnabike.it adottando una speciale formula di iscrizione. Entro il 31 maggio 2022, la quota di partecipazione è di 500 euro. I primi 50 iscritti godranno addirittura di una tariffa di 250 euro. Per chi invece si iscrive dal 1° giugno in poi, l’ammissione all’evento costa 600 euro. 

Al rally di Sardegna è inoltre possibile partecipare ai “rally tour” non competitivi, il primo dedicato alle mtb muscolari e il secondo dedicato alle e-mtb, al costo di 500 euro.

Nella quota sono inclusi i servizi di docce, bagno, area tende, area lavaggio bici presso il quartier generale situato in ogni località sede di tappa. Non è compresa la sistemazione alberghiera, ma rally di Sardegna mtb ha stretto convenzioni dedicate ai partecipanti con alcune fra le migliori strutture ricettive della zona, nelle prossimità delle sedi di tappa.

LE TAPPE DEL RALLY DI SARDEGNA MTB 2022


Stage 1: Lanusei – Gairo Taquisara
Km totali: 51 | Dislivello: +1765  mt.
Km Prova Speciale: 46 | Dislivello: +1502 mt.


Stage 2: Lanusei – Punta La Marmora – Lanusei
Km totali: 111,9 | Dislivello: +3652 mt.
Km Prova Speciale: 41,5 | Dislivello: +1651 mt.


Stage 3: Lanusei – Santa Maria Navarrese
Km totali: 89,9 | Dislivello: +2800 mt.
Km Prova Speciale: 47,9 | Dislivello: +1248 mt.


Stage 4: Santa Maria Navarrese – Santa Maria Navarrese
Km totali: 47,2 | Dislivello: +1258 mt.
Km Prova Speciale: 18,4 | Dislivello: +520 mt.

Foto credits: archivio rally di Sardegna mtb.