Il Giro d’Italia si prepara a tornare sulle colline del Prosecco e sul Muro di Ca’ del Poggio, dove è già iniziato il conto alla rovescia in vista della tappa di giovedì 26 maggio, quando la Corsa Rosa scatterà da Borgo Valsugana, in Trentino, per andare a concludersi a Treviso.

È considerata una tappa per velocisti, ma il transito sul Muro di Ca’ del Poggio – dopo 95 dei 146 km previsti nella 18^ frazione di gara, in coincidenza con un Gran Premio della Montagna – promette essere uno dei momenti di svolta della giornata.

È anche per questo che Andrea Vendrame (Ag2r Citroën Team) e Sacha Modolo (Bardiani Csf Faizanè), accompagnati da Franco Pellizotti (direttore sportivo del team Bahrain Victorius), hanno pedalato sulle strade che porteranno i protagonisti del Giro d’Italia ad immergersi nel verde brillante delle colline del Prosecco. Tappa finale di questo allenamento in compagnia, inevitabilmente, il Muro di Ca’ del Poggio.

Per la Corsa rosa si tratterà del sesto passaggio sul Muro di Ca’ del Poggio, decimo calcolando i due transiti del Giro d’Italia Under 23 e gli altrettanti passaggi del Giro Rosa.

In cima al Muro di Ca’ del Poggio è anche a pronta a tornare, in tutto il suo splendore, la “grande festa rosa”, un evento nell’evento che le restrizioni dovute alla pandemia avevano fortemente limitato durante il passaggio del Giro d’Italia 2020. In attesa del passaggio dei ciclisti, il Giardino del Poggio accoglierà gli appassionati con stand enogastronomici, dj set e musica dal vivo, grandi ospiti e testimonial d’eccezione. Una spettacolare terrazza sul Giro d’Italia numero 105.

In foto, da destra a sinistra, Sacha Modolo, Alberto Stocco (Ca’ del Poggio), Andrea Vendrame, Marco Stocco (Ca’ del Poggio) e Franco Pellizotti.  ph: courtesy Ufficio Stampa Ca’ del Poggio